COME FARE UN AUDIT DEI “BROKEN LINKS”

0
157

Una delle analisi che non mancano mai nei miei Seo Audit è quella riguardante i broken links che generano errori 404 e sprecano inesorabilmente il crawling budget. La ricerca di questa criticità con Screaming Frog è molto semplice e richiede pochi passaggi:

  1. avvia la scansione del tuo sito web.
  2. Seleziona la tab “Response Code – Codici di risposta”.
  3. Imposta il filtro “Client Errors  (4XX)” per visualizzare i collegamenti interrotti.

In modo alternativo puoi selezionare la voce “Clients Errors” dalla sidebar laterale.

Nell’esempio sono stati trovati 9 errori con status code 404, che corrispondono allo 0,18% dei link scoperti nel crawl.

4. Visualizza la fonte dei link rotti (Broken Links) cliccando sulla scheda ‘Inlinks; selezionando un URL nella finestra superiore puoi popolare la scheda “Inlinks”.

Come puoi vedere nel prossimo esempio, c’è un link rotto verso il sito BrightonSEO (https://www.brightonseo.com/people/oliver-brett/), che ha come sorgente: https://www.screamingfrog.co.uk/2018-a-year-in-review/.

Ecco una vista ravvicinata del riquadro inferiore della finestra che dettaglia i dati ‘inlinks’

La colonna “From” identifica la sorgente dove è presente il collegamento che genera 404, mentre nella colonna “To” è visualizzato il link rotto (destinazione). Nelle colonne che seguono puoi anche vedere l’anchor text, l’alt text (se si tratta di un’immagine ipercollegata) e se il link ha l’attributo “follow” (vero) o “nofollow” (falso).

  • 5. Raccolti i dati puoi esportare i risultati

Bulk Export > Response Code > Client Errors (4XX)

Con questo processo sei in grado di coprire la maggior parte dei casi in cui ci siano dei link interrotti ma potrebbe capitare che l’URL “sorgente” che è l’ultima pagina a collegarsi alla pagina di errore 404 sia un reindirizzamento ( o un nodo di una catena di redirect) e va gestita come tale. Per scoprire se la sorgente è un reindirizzamento puoi consultare la colonna ‘Type-Tipo’ e controllare se identificata come ‘HTTP Redirect’.

Per trovare rapidamente la pagina di origine di questi errori, ti consiglio di utilizzare il rapporto “All Redirects”.

Reports > Redirects > All Redirects

In questo modo puoi isolare la pagina di origine, i reindirizzamenti e l’ultima fonte che genera errori 4xx per una corretta ottimizzazione dei links.

Infine, se hai una lista di URL sulla quale vuoi controllare eventuali link rotti invece di scansionare un sito web, puoi semplicemente caricarli in modalità elenco.